CREDITO D'IMPOSTA INDUSTRIA 4.0: COSA C'È DA SAPERE

Negli ultimi anni lo Stato Italiano ha attuato una serie di misure con l’obiettivo di realizzare la trasformazione tecnologica e digitale delle imprese. Tutti i provvedimenti, confluiti nel piano Transizione 4.0, offrono alle aziende la possibilità di ricorrere ad agevolazioni fiscali come il credito d'imposta per l’acquisto di nuove tecnologie e beni materiali che possano aiutare l’industria italiana a rinnovare i propri percorsi produttivi e ottenere un innalzamento della competitività sia sul panorama nazionale, che su quello internazionale e globale.

Tale agevolazione fiscale consente di risparmiare fino al 50% nell’acquisto di una nuova macchina utensile certificata 4.0 per investimenti fino a 2,5 Mln di €. Il contributo statale sarà erogato per compensazione di eventuali tasse da pagare negli anni successivi a quello d’acquisto.

Come si accede ai contributi per l’industria 4.0?

Per usufruire del credito di imposta 4.0 per l’acquisto di beni strumentali, occorre acquistare una nuova macchina utensile 4.0 certificata dalla casa madre.
Per macchinari di un valore inferiore ai 300k la distribuzione degli incentivi avviene in automatico: basta inviare fattura al proprio commercialista che calcolerà il credito d'imposta e lo evidenzierà nella dichiarazione dei redditi.

Tutto ciò che serve, quindi è:

  1. Fattura d’acquisto della nuova macchina utensile
  2. Autodichiarazione da parte del legale rappresentante dell'azienda della conformità della macchina ai criteri del 4.0.

Per i macchinari di valore superiore ai 300K, invece, l’autodichiarazione è sostituita da una perizia tecnica che attesti le caratteristiche della macchina.

Per gli investimenti avvenuti dal 16/11/2020 al 31/12/2021 (30/06/2022 se entro il 31/12/2021 l'ordine è accettato e viene pagato un acconto di almeno il 20%) l'azienda ha diritto ad un credito d'imposta del:

  • 50% del costo per la quota di investimenti fino a euro 2,5 milioni;
  • 30% per la quota compresa tra euro 2,5 milioni e euro 10 milioni;
  • 10% per la quota compresa tra euro 10 milioni e euro 20 milioni.

Il termine ultimo per usufruire del credito d'imposta è il 30/12/2021.

Queste misure rappresentano un’ottima occasione per tutte le imprese di rinnovare il proprio parco macchine e aumentare la propria competitività sul mercato. E le macchine utensili dismesse?

Possono essere vendute in semplicità e autonomia attraverso le nuove piattaforme digitali come Oliver, che permette all’imprenditore di gestire la vendita in prima persona e offre servizi altamente specializzati di smontaggio, trasporto e rimontaggio della macchina utensile usata.

 

© 2020 OLIVER S.R.L. - C.F. P.IVA 15712491008 -
Powered by {n}exus

Cosa stai cercando?